Strumenti per le donne straniere

La violenza di genere è un fenomeno diffuso ma spesso sommerso, anche perché talvolta le donne che la subiscono non sanno a chi rivolgersi per chiedere aiuto. Per le donne che vivono in un paese diverso da quello di origine e che non conoscono la lingua questo aspetto è ancora più rilevante. La Rete Antiviolenza ha lavorato attraverso il Gruppo Donne Straniere per realizzare alcuni strumenti informativi dedicati alle donne straniere di Milano, affinché sappiano a chi rivolgersi nel caso in cui stiano vivendo situazioni di violenza e abbiano bisogno di aiuto.

Sono stati realizzati:

  • il video “Tu puoi essere libera” con il contributo delle mediatrici straniere e di alcune delle donne assistite dai centri. Link al video.
  • la locandina con i recapiti della Rete Antiviolenza in sette lingue: inglese, francese, spagnolo, rumeno, arabo, cingalese e cinese. Scaricala qui.
  • il libricino a fumetti in sette lingue con le illustrazioni di Monica Biondi. Scaricalo qui.

Eventi per il 25 novembre 2020

In occasione della giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, la Rete Antiviolenza di Milano in collaborazione con il Comune organizza diverse iniziative.

Sarà innanzitutto l’occasione per presentare i dati relativi alle donne accolte dai Centri nei primi sei mesi di quest’anno, caratterizzati dall’emergenza Covid 19, che ha avuto importanti ripercussioni sia per le donne vittime di violenza che per il lavoro dei Centri che le accolgono.

Martedì 24 novembre

  • Presentazione della guida sulla doppia violenza, detta anche violenza istituzionale o vittimizzazione secondaria, realizzata da CADMI con Magistratura, Forze dell’ordine e Servizi Sociali
    www.cadmi.org/ladoppiaviolenza
  • Telefono Donna partecipa al webinar “Orfani di femminicidio” organizzato da Regione Lombardia con Inner Wheel Club di Monza. Dalle 15,00 alle 17,00.
    Per partecipare scrivere una e-mail a eventi.regionelombardia@in-rete.net.

Martedì 25 Novembre

  • Anche quest’anno Palazzo Marino, sede dell’amministrazione comunale, esporrà la propria bandiera civica a mezz’asta. “Un segno di lutto per tutte le vittime di femminicidio e per esprimere solidarietà alle loro famiglie. Quest’anno è più che mai importante stare vicino alle donne, perché la violenza di genere è sensibilmente aumentata durante la pandemia, ma le donne devono sapere che le case rifugio non chiudono mai e il lavoro delle associazioni non si ferma” ha dichiarato Daria Colombo Delegata del Sindaco alle Pari Opportunità.
  • CeASIstallazione artistica promossa da “OrMe” (Ortica Memoria) e condivisa con le Associazioni del territorio che a vario titolo cooperano contro la violenza degli uomini sulle donne. Storie di donne vittime e di donne che sono uscite dalla spirale della violenza con l’aiuto dei servizi. L’evento ha il patrocinio del Municipio 3. L’istallazione sarà visibile il 25 novembre in viale Cutuli (zona Rubattino).
  • Il video-racconto “Non chiedermelo. Non è importante”, che vede anche la partecipazione dell’attrice Paola Cortellesi. Alle ore 10,00, in diretta streaming dalla Web TV Camera dei Deputati e alle 11.30 sulla pagina FB di Maria Edera Spadoni. Il progetto video, organizzato in collaborazione con il Centro Antiviolenza Cerchi d’Acqua di Milano, è un racconto sull’installazione artistica “Com’eri vestita?”. Un viaggio dentro alle storie e agli abiti di donne sopravvissute alla violenza sessuale. Vai alla news. Scarica qui il comunicato stampa.
  • Associazione Lule e Associazione INC – Itinerari Narrativi Contemporanei presentano il progetto di sensibilizzazione sul tema della tratta e dello sfruttamento sessuale nato dalla collaborazione tra i due enti. Scrittura creativa e impegno sociale si incontrano: a dicembre sarà infatti data alle stampe (Edizioni Saecula) la raccolta dei racconti realizzati dagli scrittori di INC che questa primavera hanno incontrato e intervistato le donne vittime di tratta, sfruttamento e violenza ospiti delle strutture residenziali di Lule Onlus per raccogliere le loro testimonianze e tradurle in racconti di fantasia. Disponibile ON LINE sulla pagina Facebook e sul canale YouTube di Lule a partire dal pomeriggio.
  • Cerchi d’Acqua partecipa all’evento di Legacoop “Jenner caffè” con il presidente Attilio d’Adda. Brevi interviste a società cooperative sul territorio per illustrare l’andamento delle attività nel periodo della pandemia e i possibili cambiamenti e sviluppi nel futuro. L’iniziativa verrà pubblicizzata attraverso un video trasmesso su tutti i canali social. Saranno trasmesse sul sito di Legacoop il 25 Novembre.
  • La Grande Casa in partnership con Sorgenia, #sempre 25 novembre – sensibilizzazione dei giovani al tema del contrasto alla violenza di genere: alle ore 11,00, sulla home page di Repubblica, sarà possibile seguire il talk “#sempre25novembre: tutti i no che servono contro la violenza sulle donne”. Moderati dalla giornalista Laura Pertici, ne parleranno: Gianfilippo Mancini, AD di Sorgenia, la filosofa Michela Marzano, il rapper Ernia e Alessia Brezzi, educatrice de La Grande Casa. Alle ore 19,00 live talk sul profilo Instagram @Holyernia durante il quale il rapper Ernia insieme alla conduttrice/dj Ema Stokholma cercheranno di rispondere ai dubbi e alle domande ricevute. Scarica qui il comunicato.
  • Nell’ambito della rubrica settimanale “Milano. L’altro sguardo”, la web-radio del Comune, dedicata ad affrontare fondamentali temi sociali dal punto di vista femminile, presenta Daria Colombo, Delegata del Sindaco alle Pari opportunità di genere, intervista Miriam Pasqui, responsabile della Rete Antiviolenza del Comune di Milano e Fabio Roia, magistrato da sempre a fianco delle donne contro la violenza. L’intervista andrà in onda alle 17,00 e verrà registrata in podcast, quindi potrà essere riascoltata in qualunque momento. https://www.comune.milano.it/web/incomune-webtvradio
  • Fondazione Somaschi, in collaborazione con il Municipio di zona 4 e con il Comune di Milano presenta la formazione online “Educare alla Parità di genere”, dedicata a coloro che operano con le realtà educative, culturali e sociali nel territorio. Il primo appuntamento sarà il 25, dalle 18,30 alle 20,00. La partecipazione è gratuita ma è necessario iscriversi, mandando una e-mail a: areascuole@fondazionesomaschi.it. Il Secondo appuntamento si terrà il 9 dicembre. Per ulteriori informazioni sul progetto: link.
  • La Presidente della Commissione Pari Opportunità e Diritti Civili del Comune di Milano, Diana De Marchi, in collaborazione con PACTA dei Teatri, Soccorso Rosa onlus e con il sostegno del Consiglio per le Pari Opportunità di Regione Lombardia presenta l’incontro-spettacolo in streaming “Adesso libere”, caricato sul canale YouTube di PACTA dei Teatri SALONE, inserito nel Palinsesto 2020/2021  I talenti delle donne, promosso dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Milano.
  • SVS DAD ONLUS e SVSeD presentano il questionario online sulla violenza economica, realizzato nell’ambito del progetto C.E.N.T.R.A, con l’Università degli Studi di Milano, Centro di ricerche interdipartimentale GENDERS e finanziato dal Dipartimento Pari Opportunità – Presidenza del Consiglio dei Ministri. Seguirà la campagna di comunicazione ideata dagli studenti dell’Istituto Europeo di Design per informare e sensibilizzare sulla violenza economica, spesso non percepita né conosciuta. Per andare al questionario clicca qui.
  • Città Metropolitana di Milano organizza l’evento “Noi contro la violenza 2020”, iniziativa di comunicazione promossa in occasione del 25 Novembre. Prevede la posa di panchine rosse all’interno del Parco Idroscalo di Milano, che riporteranno il nome e i riferimenti di alcune strutture presenti sul territorio, in modo che le donne che attraversano il parco possano trovare l’ indicazione immediata di un servizio fidato a cui rivolgersi in caso di necessità. L’iniziativa verrà pubblicizzata attraverso un video trasmesso su tutti i canali social.
  • SVS DAD ONLUS, Telefono Donna e Caritas Ambrosiana partecipano alla call to action di VivaVittoria Milano sui canali social, per la produzione dei quadrati in lana di 50×50 che formeranno l’opera relazionale condivisa per dire NO alla Violenza sulle Donne. Tutte le info su www.vivavittoria.it.

Venerdì 27 novembre

  • Il Gruppo Donne Straniere della Rete Antiviolenza organizza un incontro di approfondimento e formazione sulla violenza di genere dedicato alle mediatrici linguistico culturali.
    Durante l’incontro saranno presentati il video e il libricino a fumetti dedicati alle donne straniere. Per saperne di più vai al link.

 

La mostra “Com’eri vestita? alla Camera dei Deputati

“Non chiedermelo. Non è importante.” Presentazione e proiezione del video-racconto contro la violenza sulle donne promosso dalla Vicepresidente Maria Edera Spadoni con il patrocinio della Camera dei Deputati e la collaborazione del Centro Antiviolenza Cerchi d’Acqua con la partecipazione di Paola Cortellesi. Il 25 novembre 2020 ore 10,00, in diretta streaming dalla web TV Camera dei Deputati e alle 11.30 sulla pagina FB di Maria Edera Spadoni.

Il centro antiviolenza Cerchi d’Acqua ha realizzato nel 2018, per la prima volta in occasione dell’8 marzo, la mostra “Com’eri vestita?”Rispondono le sopravvissute alla violenza sessuale.

Un’installazione in cui i vestiti esposti rappresentano simbolicamente quelli indossati durante la violenza subita e sono accompagnati da brevi suggestioni che le donne, che hanno effettuato percorsi presso Cerchi d’Acqua, hanno voluto condividere, a partire dall’esperienza vissuta. La mostra trae ispirazione dalla poesia “What I was Wearing”© di Mary Simmerling. L’idea è stata sviluppata nel 2013, in un’istallazione artistica dal titolo “WHAT WERE YOU WEARING?” da Mary Wyandt-Hiebert, docente alla University of Arkansas, e da Jen Brockman, direttrice del Sexual Assault Prevention Center presso la University of Kansas.

E’ nata dal bisogno di scuotere l’attenzione del pubblico e sfatare gli stereotipi sulla violenza sessuale. Troppo spesso infatti, la domanda “Cosa indossavi? Com’eri vestita?” sottende una sfumatura accusatoria, come a dire “te la sei un po’ cercata…”, rivolgendo i riflettori su chi subisce violenza e non su chi la agisce. La mostra dal 2018 è diventata itinerante, con diverse tappe in varie citta italiane dove viene realizzata con il coinvolgimento dei centri Antiviolenza presenti nei diversi territori.

“Vorrei ricordare alcuni dati importanti: ogni anno nel mondo vengono uccise 87.000 donne. Circa 137 femminicidi ogni giorno, ovvero una donna ogni 15 minuti. Due terzi delle vittime di omicidi in ambito familiare sono donne. Il 35% delle donne nel mondo ha subito violenza fisica o sessuale. La violenza di genere può coinvolgere tutti, indipendentemente dal contesto sociale. Non ci deve essere nessuna scusante o “giustificazione” nei confronti di un uomo che picchia, stupra, denigra o uccide una donna. Il possesso non è amore”, dichiara la Vicepresidente Maria Edera Spadoni.
Il video verrà trasmesso sulla web tv di Montecitorio il prossimo 25 Novembre alle ore 10 (e dalle 11.30 sulla pagina FB di Maria Edera Spadoni). Seguirà un incontro in videoconferenza a cui parteciperanno il Presidente Roberto Fico, la vicepresidente Spadoni, Graziella Mazzoli, Presidente del Centro antiviolenza CERCHI D’ACQUA, cooperativa sociale che dal 2000 offre alle donne percorsi di elaborazione del trauma per uscire dalla violenza. Interverrà con un saluto in video-collegamento anche Ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia, Elena Bonetti.
Un progetto importante per una giornata importante, per dire definitivamente NO ALLA VIOLENZA SULLE DONNE.

Scarica qui il comunicato stampa.

Ulteriori informazioni sul sito www.cerchidacqua.org

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi